Comunicato Stampa: Sentenza N. 677/2014 - CORTE DEI CONTI - SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO

abbate ant

Nel giudizio iscritto al n. 73556 del registro di Segreteria, promosso dalla Procura regionale con atto di citazione depositato in data 11 marzo 2014, nei confronti di: 1) Antonio ABBATE, 2) Pompilio IACOBELLI, 3) Bernardo FORTE, 4) Antonio COLANTONIO, 5) Angela DECINA, 6) Aldo TUCCI , 7) Giuseppe GIORGIO, 8) Paolo VICINI, 9) Angelo RICCI, 10) Ercole MARSELLA , a seguito di esposto prodotto dal sindaco del Comune di Roccasecca, Giovanni Giorgio, in data 25 gennaio 2012, con l'accusa di danno verso il Comune di Roccasecca , per aver riconosciuto ad alcuni dipendenti comunali la superiore mansione, la Corte dei Conti, Sezione Giurisdizionale per la Regione Lazio, con propria sentenza depositata in Segreteria il 24 settembre 2014, così ha stabilito: ASSOLVE tutti i convenuti dalle pretese di cui all’atto di citazione in epigrafe, nei termini di cui in parte motiva.

"Questa sentenza - ha dichiarato Antonio Abbate, assistito e difeso dagli Avvocati Antonio Chianta e Valentina Chianta - fa giustizia, da una parte, del mio comportamento assunto a favore dei lavoratori comunali, dall'altra dello sconsiderato e vituperabile tentativo dell'attuale sindaco Giorgio di utilizzare l'argomento come arma politica, accusandomi di danno erariale e richiedendo la restituzione, in solido, di euro 376.831,53 ". Fanno eco ad Antonio Abbate sia Antonio Colantonio che Bernardo Forte, entrambi difesi ed assistiti dallo Studio legale Chianta, all'epoca assessori in carica, che fortemente stigmatizzano l'operato del sindaco Giorgio " maldestro accusatore che invece di difendere la posizione del Comune di Roccasecca, ha tentato vergognosamente di trarre vantaggio politico con l'esposto presentato alla Corte dei Conti".

"E a dirla tutta - continua Abbate - è significativo il passaggio presente nelle motivazioni della sentenza che testualmente recita: ..... In conseguenza, secondo il Collegio, erano certamente i nuovi amministratori destinatari - almeno in astratto - di un obbligo di impedire gli ulteriori autonomi eventi di danno verificatisi nel periodo decorrente dal novembre 2008 al febbraio 2012. E' il caso di richiamare il vecchio adagio Chi va per fregare...rimane fregato".

logopiccolo  

Antonio Abbate

sito web ufficiale    tel. 335 622 6601    email antonioabbate@libero.it 
Visite totali

Please publish modules in offcanvas position.